Tu sei qui

Indicatore di tempestività dei pagamenti

Relativamente al pagamento degli acquisti di beni, servizi e forniture, si dichiara che dall'anno 2013 alla data attuale non si sono mai superati i 30 gg dalla data di ricevimento della fattura.

Ai sensi del comma 3 dell'art. 9 del DPCM 22/09/2014, gli Indicatori annuale e trimestrale di tempestività dei pagamenti sono calcolati come la somma, per ciascuna fattura emessa a titolo corrispettivo di una transazione commerciale, dei giorni effettivi intercorrenti tra la data di scadenza della fattura o richiesta equivalente di pagamento (da intendersi, come convenuto con i fornitori nel rispetto dell'art. 4 del D.Lgs. 231/2002, sempre pari a 30 giorni dalla data di ricevimento della fattura o di una richiesta di pagamento di contenuto equivalente) e la data di pagamento ai fornitori moltiplicata per l'importo dovuto, rapportata alla somma degli importi pagati nel periodo di riferimento.

Pertanto gli Indicatori annuale e trimestrale di tempestività dei pagamenti dal 2013 sono pari a zero o addirittura negativi. Vale a dire che i pagamenti vengono effettuati con il massimo grado di tempestività.

L'ammontare complessivo dei debiti relativi agli acquisti di beni, servizi, prestazioni professionali e forniture, quale risulta dallo Stato Patrimoniale Passivo alla voce D 2, è il seguente:

- euro 0,00 al 31/12/2017

- euro 0,00 al 31/12/2016

Il numero delle imprese creditrici è zero.

Il Direttore
F.to D.ssa Giuseppina Cristofani